Sei qui: Home Magazine ARCHIVIO SC MAGAZINE
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Cerca

www.sguardocontemporaneo.it

Che amarezza, anche...

Essenzialità, vuoto, calma. Un’esposizione di arte contemporanea pụ suscitare anche questo tipo di sensazioni: avrà già centrato il suo obiettivo. Associare tali impressioni alla mostra “Interpunzioni, anche” risulta, invece, un’inutile forzatura. Un tentativo di elevare (per l’ennesima volta) qualcosa di povero (non inteso come “arte povera” ma come “povertà di idee”) al solito e ormai sfruttatissimo status di opera d’arte. La mostra si compone di quindici composizioni spoglie e per lo più acromatiche, realizzate con materiali eterogenei, tratto caratteristico dell’artista romano classe 1966, come legno, carta velina, tappi e vernici fluorescenti.  Lavori realizzati pensando al rapporto spazio-opera: infatti gli ambienti stile “white cube” della galleria Il Bulino ben accolgono l’essenzialità di quest’arte, se coś si pụ chiamare.  Tutto cị è poi in evidente contrasto con la pomposità, ai limiti del barocco, del testo di Alessio Verzenassi, contenuto nel libretto-pieghevole allegato alla mostra. Vi cito alcuni esempi:  “Forse per le sue innate doti allusive o forse per delle congenite attitudini al pensiero, la poetica di Roberto Piloni si edifica sulla scelta di pochi aneddoti che, voluti in forme più o meno elementari, ricoprono un ruolo centrale nel senso e nel linguaggio. Perlopiù si tratta di sagome ben profilate, convocate a svolgere monologhi senza eccessi”  , oppure  “Né frigida né passionale ma convinta che l’arte sia un gioco per iniziati, questa poetica si rivolge comunque a pensatori organici, in grado di cogliere nelle sue strutture formali e cromatiche […], la possibilità di dialoghi mentali assolutamente esterni al mondo fenomenologico…”. Le uniche considerazioni che colgo da queste parole è che si mira sempre più ad allontanare l’arte dalle persone non addette ai lavori, quando invece si dovrebbe fare esattamente il contrario, e, in secondo luogo, che ormai ci si nasconde spesso dietro formule “convenienti” quali  “Non è indispensabile spiegare troppo” .

Antonio Pizzolante


Interpunzioni, anche - Roberto Piloni

Dal 28 maggio al 4 luglio 2009

Galleria Il Bulino artecontemporanea, Via Urbana 148 - Roma

www.galleriailbulino.it

 

Pubblica questo Articolo

Facebook Twitter Google Bookmarks RSS Feed