Sei qui: Home Magazine ARCHIVIO SC MAGAZINE
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Cerca

www.sguardocontemporaneo.it

Invasione grafica a Parigi

Dal 23 al 30 Marzo, durante la  Semaine du Dessin, si sono svolti a Parigi una serie di eventi immancabili per tutti gli amanti del disegno: mostre, conferenze, ma soprattutto il  Salon du Dessin  al Palais de la Bourse (dal 25 al 30) e il Salon du Dessin Contemporain al carreau du temple (dal 26 al 29), ove un grandissimo numero di gallerie provenienti da tutto il mondo ha esposto le sue preziose opere su carta sotto lo sguardo attento dei collezionisti e dei semplici amanti della grafica.  Venti istituzioni museali a Parigi e dintorni hanno inaugurato mostre ed organizzato visite guidate all’interno di collezioni spesso poco accessibili, selezionando opere che rispondessero al tema scelto quest’anno, vale a dire «Dessins de sculpteurs». Al Centre George Pompidou è stata presentata una selezione di disegni di grandi scultori del XX secolo, come Arp, Calder, Brancusi, Tinguely e molti altri, mentre una splendida mostra alla Bibliothèque Nationale ha interpretato il tema esponendo disegni preparatori di famosi gruppi scultorei, copie dall’antico e progetti di sculture che rendono visibile il grande eclettismo di importanti artisti francesi del XVI e XVII secolo, da Pierre Jacques (1520-1596) a Charles Le Brun (1619-1690), con una particolare attenzione alla varietà tipologica dei monumenti funerari. Degna di nota anche l’esposizione al Musèe Zadkine, la prima interamente dedicata alla produzione grafica dell’artista russo all’interno di quello che fu il suo atelier. Imperdibili altre due mostre indipendenti dal tema scelto quest’anno ma inserite nel circuito attraverso speciali visite guidate e la possibilità di  laissez-passer   durante la  Semaine  :  Imaginaire de l’Arioste, l’Arioste imaginé   al Musée du Louvre e  Vivant Denon et le Voyage pittoresque   alla Fondation Custodia. L’esposizione al Louvre (aperta fino al 18 maggio), partendo da un’attenta selezione di disegni di gusto fantastico-cavalleresco all’interno dell'opera di Pisanello e Niccoḷ dell’Abate, si snoda attraverso splendidi esempi ispirati agli episodi dell’ Orlando Furioso    tratti dalla produzione grafica di Gustave Moreau e Jean-Honorè Fragonard, da quella scultorea di Barye, e da quella pittorica di Delacroix e, soprattutto, Ingres, di cui viene esposta la celebre  Angelica salvata da Ruggero  . E dall’ala Denon del Louvre dove è ospitata l’esposizione si passa alla squisita mostra alla Fondation Custodia, dove, in occasione della nuova pubblicazione del  Voyage pittoresque de Naples et de la Sicilie    (1781-1789) di Denon ad opera di Marie-Anne Depuy-Vachey, viene presentata una selezione degli acquerelli dei disegnatori che accompagnarono il futuro direttore del Louvre nel viaggio in Italia offrendo modelli per le illustrazioni del suo volume.  All’interno del  Salon du Dessin   si sono svolte, inoltre, due giornate di studio ricche di conferenze ed interventi dei più importanti studiosi di grafica di ambito internazionale, dalla “nostra” Anna Forlani-Tempesti degli Uffizi a David Bidman dell’University College di Londra e Marie-Laure Bernadac del Louvre.  Mentre al primo piano si parla di disegno in termini astratti, come oggetto di studio, al piano terra i galleristi mostrano un modo "altro" di occuparsi dei disegni, in termini commerciali e come beni preziosi. Forse è proprio questo l’aspetto che più colpisce di questa manifestazione che non ha eguali nel mondo: la capacità di riunire all’interno dello stesso contesto studiosi, appassionati e collezionisti del disegno, permettendo uno scambio di punti di vista non scontato, soprattutto parlando di un settore oltremodo specialistico come quello della grafica. E allora pụ anche capitare che una giovane studentessa, abituata a mostre e conferenze, ma assai meno a comprar disegni, si faccia prendere dall’entusiasmo e osi chiedere al gallerista di turno il prezzo di una bellissima  Tentazione   di Frans Francken II; tuttavia basta una risposta come «Il prezzo del disegno è di 56.000 euro!» per riportarla alla realtà e per farle capire che ancora per un po’ (per un bel po’) i disegni di Francken si limiterà a studiarli ed ammirarli.

Tania De Nile


Semaine du Dessin

Salon du Dessin - Palais de la Bourse (dal 25 al 30 marzo) - Parigi

Salon du Dessin Contemporain al Carreau du Temple (dal 26 al 29 marzo) - Parigi

www.salondudessin.com

 

Pubblica questo Articolo

Facebook Twitter Google Bookmarks RSS Feed