Sei qui: Home Magazine ARCHIVIO SC MAGAZINE
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Cerca

www.sguardocontemporaneo.it

La scuola romana in mostra al Museo di Villa Torlonia

“Tra le due guerre Roma forma gli artisti dei “Valori Plastici”, un movimento che orienta le nuove generazioni verso il realismo magico, una pittura che solo nella forma rappresentala realtà fisica ma è astratta e concettuale nell’essenza.” Mafai, Guttuso, Capogrossi, Trombadori, Cagli, Donghi, sono solo alcuni di questi artisti che fecero parte della Scuola Romana, gruppo che porṭ Roma ad ergersi come una delle capitali mondiali delle arti figurative agli inizi del novecento.  Una stagione per la cultura tra le più intense del secolo scorso. Una sorta di “età dell'oro”, che torna con la mostra "Scuola romana. Artisti a Roma tra le due guerre", al Casino dei Principi di Villa Torlonia dal 1° novembre 2008 all'11 gennaio 2009.  La mostra organizzata grazie al contributo del Ministero degli Affari Esteri torna nella capitale dopo aver fatto tappa in alcune città d’Europa tra cui Tirana , Belgrado e Budapest. Troviamo esposte circa 50 opere tra dipinti, sculture, disegni, documenti di  Scipione, Guttuso, Socrate, Afro Basaldella, Mirko Basaldella, Capogrossi, Trombadori, Mafai, Oppo, Raphaël, Fazzini, Donghi, Pirandello, Cagli, Amato, Drei, Cavalli, Francalancia, Ferrazzi, Selva, Ziveri, Melli, Pasquarosa. Il tutto è articolato in tre sezioni, corrispondenti a quelli che furono i principali filoni tematici (e ambiti espressivi) della Scuola Romana: "L'artista e lo studio" che racconta i processi ideativi degli artisti con angoli di studi, ritratti e autoritratti, nature morte. "La città dell'anima" ovvero le vedute romane, capitolo fondamentale per comprendere l'immaginario dei pittori della Scuola. Infine "Il corpo", altro terreno cruciale di ricerca, rivelatore della singolare posizione storica dei "romani", tra classicità e rarefazione metaforica: si passa coś dalla sensualità esasperata di Scipione ai corpi efebici di Guglielmo Ianni; fino alla "nuova oggettività" di Antonio Donghi e alla via imboccata da Giuseppe Capogrossi verso l'astrazione.

Francesco Rao

 


 

Scuola Romana, artisti a Roma tra le due guerre

A cura di Francesca Romana Morelli

dal 1 Novembre all'11 Gennaio 2009

Museo di Villa Torlonia, Casino dei Principi, Via Nomentana 70 - Roma

www.museivillatorlonia.it

 

 

Pubblica questo Articolo

Facebook Twitter Google Bookmarks RSS Feed