Sei qui: Home Magazine
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Cerca

www.sguardocontemporaneo.it

La Macrolife di Dario Agrimi


Frenulo (2011), courtesy galleria The Office

Per chi non lo conscesse ancora, Dario Agrimi (nato ad Atri nel 1980, vive a Trani), è un artista che dal 2001 ha percorso una grande scalata nel campo dell'arte contemporanea, lo dimostrano anche le quotazioni delle sue opere, vedere per credere. Un curriculum considerevole che si è arricchito con la partecipazione alla 54esima edizione della Biennale di Venezia, nella sede delle Tese di San Cristoforo.

The Office lo ospita per la seconda volta, in collaborazione con la galleria Formaquattro di Bari dopo una collettiva che lo ha visto protagonista a gennaio.
Le opere di Dario Agrimi non sono di facile interpretazione. Ci si avvicina ad esse con grande curiosità e ogni volta che le si guarda, la mente si apre a nuovi significati. L'esposizione si sviluppa attraverso diversi ambienti, divisi tra di loro da arcate, che rendono rivelatorie le sale successive.
La mostra può definirsi una sintesi dei numerosi linguaggi e tecniche a cui si dedica Agrimi, che spazia concettualmente dalla pittura all'installazione, dalla scultura alla performance.


Senza titolo (2010), courtesy galleria The Office

Il titolo Macrolife, si riferisce alle enormi tele a smalto, che ritraggono personaggi alle prese con azioni non abituali, mentre differenti sono i disegni e i ritratti, nella tecnica e nelle dimensioni. Questi ultimi infatti, sono realizzati con le sue impronte digitali e manifestano una eccellente padronanza pittorica.
L'artista si diverte a sollecitare effetti di meraviglia, il suo modo parodistico di lavorare con la tassidermia lo conferma: un esempio è l'opera Extension, dove il collo di un'oca viene allungato fino ad arrivare ad altezza d'uomo.


Extension (2011), courtesy galleria The Office

Guardare un'opera di Agrimi significa interrogarsi sulla natura delle cose: attraverso le sue opere, egli si prende gioco del mondo dell'arte e nei suoi interventi si riscontra sempre il gusto dell'umorismo e del grottesco. Questa estetica ha un chiaro riferimento in certa produzione di Cattelan. Che il giovane artista voglia emularlo?

Simona Merra


Macrolife - Dario Agrimi
dal 4 al 26 novembre 2011
The Office Contemporary Art, Via Ostilia 31- Roma
www.theofficeart.it

 

Pubblica questo Articolo

Facebook Twitter Google Bookmarks RSS Feed