Sei qui: Home Magazine ARCHIVIO SC MAGAZINE
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Cerca

www.sguardocontemporaneo.it

Carlo Sismonda e una pittura “silenziosa”

Il 22 ottobre ha inaugurato la mostra di Carlo Sismonda alla Casina delle Civette, piccolo edificio molto particolare, situato all'interno di Villa Torlonia.

L'artista, nato nel 1929 in provincia di Cuneo, ha raccolto molteplici successi nella sua lunga carriera, anche a livello internazionale. Compositore, ha lavorato in Rai e in alcune pellicole cinematografiche. Ma, per lo più, è un affermato pittore, tanto da essere stato definito come un "espressionista italiano".
L'esposizione si intitola "La pittura del silenzio", titolo che di sicuro fa riferimento ai soggetti e ai temi affrontati nei dipinti: interni, tranquilli paesaggi marini, nature morte e celebrazioni liturgiche. Le opere coprono un arco di tempo che non supera, all’incirca, l’ultimo ventennio del lavoro di Sismonda.


L'ora del vespro (2006)

Da scenari casalinghi a semplici sfondi  rurali o tipicamente paesani, i quadri esposti richiamano quasi sempre la cultura tipicamente mediterranea, familiare a noi tutti, rappresentata con colori forti, ma che a livello visivo trasmettono sensazioni di calma, di tranquillità, spesso di austerità. A guardarli, anche senza particolare attenzione, questi dipinti fanno subito pensare a Cezanne, a Matisse, vagamente a Van Gogh, come se Sismonda volesse esplicitamente dichiararsi un loro estimatore e tracciare una linea di continuità con quella tradizione d’oltralpe, trasferita  in luoghi specificatamente italiani. Il pittore piemontese ha avuto molti riconoscimenti in Germania: dalle testimonianze inserite nel catalogo della mostra, si legge che un suo dipinto, il “Preludio”, “è stato il primo acquisto pubblico di un quadro del pittore italiano, da parte di un museo tedesco”.

Non si può certo dire che l’esposizione sia stata pensata a tavolino; o, almeno, non dà quest’idea. Sembra quasi un salottino di una casa borghese, affollato di quadri che aspettano una sistemazione, e sono momentaneamente appoggiati su sedie, panche, tavolini e quant’altro, senza un ordine visivo o tematico.
Una mostra dedicata a chi non ha troppe pretese, a chi vuole “tenere a bada” le sensazioni, godere di buona pittura, ma non cercare l’originalità, l’estro creativo.

Antonio Pizzolante


Carlo Sismonda - La Pittura del Silenzio
a cura di Angelo Caruso
dal 22 settembre al 10 ottobre 2010
Casina delle Civette, Via Nomentana 70 - Roma
www.museivillatorlonia.it


 

Pubblica questo Articolo

Facebook Twitter Google Bookmarks RSS Feed